Cos’é la dieta Barf?

ll termine BARF è stato usato per la prima volta dall’americana Debbie Tripp per indicare sia quelle persone che alimentavano i propri cani con carne fresca e cruda sia il cibo stesso.
La Barf è un’alimentazione naturale che cerca di riprodurre il più possibile l’alimentazione dei canidi selvaggi. Puro crudismo, come rivela l’acronimo stesso B.A.R.F. Born Again Raw Feeders (rinati alimentalisti di cibo crudo). Il termine B.A.R.F. può anche significare Bones And Raw Food (Ossa e cibo crudo) o Biologically Appropriate Raw Food (cibo crudo biologicamente appropriato).
Il merito di aver fatto conoscere la BARF in Europa è soprattutto di Swanie Simone. Lei ha importato il concetto della BARF dagli Stati Uniti ed è stata la prima in Germania ad occuparsi intensamente di questo tipo di alimentazione.

Seguire la BARF non significa gettare qualche pezzo di carne cruda nella ciotola del nostro cane. Anche frutta e verdura fanno parte della dieta, così come le ossa e gli oli. Non ci si deve limitare solo alla carne o alle carcasse di pollo. Alcuni nutrienti importanti si trovano soltanto negli organi interni o nella trippa, ad esempio. Bisogna fare in modo che il rapporto tra carne, ossa, trippa e organi interni sia impostato correttamente.

Non occorre somministrare tutto il nutrimento essenziale ad ogni pasto. Il bilanciamento avviene in nell’arco di diverse settimane, come in natura. Potreste iniziare magari con un solo tipo di carne o se siete in vacanza potreste fare uno strappo alla regola sul piano di dieta che seguite abitualmente. Gli animali sanno compensare e non ne risentiranno a patto che, ovviamente, non si tratti di un periodo troppo lungo.

Simone Wilske, consulente alimentare certificata

 

Questa presentazione richiede JavaScript.